Gucci belt GG

Così, nelle notti Greche a spasso per il centro di Mykonos, affascinato dai colori tenui e soavi della città, ho voluto riproporli in questo outfit che vede come protagonista la cintura di casa Gucci.

Un pantalone blu, un paio di scarpe da barca ed una camicia a strisce verticali completano il tutto: un look serale, fresco ed estivo che non manca di praticità ed eleganza.

Un richiamo agli anni passati, questa cintura dona al completo un tocco vintage, insieme al pantalone a vita alta, dritto e con piega centrale.

🇬🇧 

So, in this Greek nights walking to the center of Mykonos, fascinated by soft and gentle colors of the city, I wanted to propose them in this outfit starring the Gucci belt.

A blue trouser, a pair of boat shoes and a vertical striped shirt complete everything: a cool, summer look that is not lacking in practicality and elegance.
A reminder of the past years, this belt gives a vintage touch to the outfit, along with the high waist, straight and central folded pants.

  • Shoes: Timberland
  • Pants: H&M
  • Belt: Gucci
  • Shirt: Fred Perry

Instagram account @edoardo__re

Facebook account @edoardorelemodeenplein

Annunci

Mykonos 2017: relax e pace allo stato puro.

È arrivata la settimana di Ferragosto e come tutti gli anni coincide con la mia settimana di ferie e dunque i miei 7 giorni di vacanza e libertà.

Quest’anno la meta (come suggerisce il titolo 😁) prescelta è stata la Grecia, nello specifico Mykonos.

In quest’isola regna sovrana la legge del ‘puoi fare quello che vuoi’. Purtroppo o per fortuna la polizia è pressoché inesistente, si può andare tranquillamente senza casco in uno dei tanti motorini a noleggio, quad o altri ciclomotori, la precedenza è di chi se la prende, il clacson viene usato più qua che durante una fila interminabile in tangenziale nella nostra terra, il parcheggio è ovunque tu voglia parcheggiare. Insomma, liberi di fare quello che volete.

I colori in tutta l’isola sono principalmente due: il bianco ed il celeste. Questi due colori donano subito un senso di tranquillità e pace mai viste. Le vie del centro sono un susseguirsi di negozi, bar e ristoranti, il tutto ovviamente per tutte le tasche: si va dai piccoli negozi locali ai negozio multibrand (kenzo, Dolce e Gabbana, Giuseppe zanotti, Dsquared2, Diesel) ai monomarca (come Louis Vuitton e Dsquared2).

Il cibo è, a mio parere, altalenante: bisogna stare attenti a dove vogliamo pranzare o cenare per non incorrere in piccole taverne locali che propinano cibo scadente ad alto prezzo. Solitamente negli stabilimenti balneari non si mangia male: è d’uso qua il servizio direttamente all’ombrellone, con personale attento e pronto a soddisfare ogni tua esigenza.

I prezzi sono abbastanza alti, ma dipendentemente dallo stabilimento che si sceglie si può girare intorno ai 20€ (intera giornata) per due lettini, ombrellone ed in alcuni vado un mobiletto con chiave per riporre oggetti e vestiti.

Personalmente mi sento di segnalare e consigliare la spiaggia di platis gialos beach: una caletta di spiaggia grossa e dorata, a sud dell’isola (si raggiunge comodamente in motorino o bus) con un mare che farebbe quasi invidia alle Maldive! Acqua cristallina, trasparente e dalle note turchesi/celesti, fredda fredda fredda (parlo già di agosto inoltrato)! In particolar modo consiglio lo stabilimento Yialo Yialo beach club (che offre mobiletto con chiave con cauzione di 10€ che verrano resi quando verrà lasciato l’ombrellone) ed il InOBar (che offre due comode prese USB direttamente sul ‘palo’ dell’ombrellone per poter mette in carica cellulari e tablet) con ristorante Anios alle spalle: entrambi chiedono 20€ per ombrellone e due lettini, con servizio di ristorazione/bar all’ombrellone (ovviamente a pagamento).

Il vento qui è protagonista con i suoi pro e contro: di giorno a mio parere non è altro che gradevole, capace di affievolire il caldo soprattutto nelle ore di punta, di sera/notte invece è un po’ fastidioso poiché rende il tutto un po’ troppo freschino (da felpa, per intendersi).

Adesso vi lascio ad una piccola gallery che aggiornerò una volta tornato nella mia amata toscana 😊

ENG

It’s arrived the week of ‘ferragosto’ and as all the years coincides with my holiday week and therefore my 7 days of holidays and freedom.
This year the goal (as the title suggests) was Greece, specifically Mykonos.
On this island reigns the law of ‘you can do what you want’. Unfortunately or fortunately the police are almost non-existent, you can go safely without a helmet in one of the many rental engines, quads or other mopeds, the precedence is on whoever takes it, the horn is used more that in an endless row in Tangential to our land, parking is everywhere you want to park. In short, be free to do what you want.
The colors in the whole island are mainly two: white and lightblue. These two colors immediately give a sense of tranquility and peace never seen.

The streets of the center are a succession of shops, bars and restaurants, all of which are for all the pockets: from the small local stores to the multibrand stores (kenzo, Dolce and Gabbana, Giuseppe Zanotti, Dsquared2, Diesel) to monomarca (like Louis Vuitton and Dsquared2).
The food is, in my opinion, swinging: you have to be careful where you want to have lunch or dine in order to not run into small local taverns that propel poor food at a high price. Usually in the bathing establishments you do not eat well: there is a service directly at the beach umbrella, with attentive staff and ready to satisfy your every need.
The prices are quite high, but depending on the establishment you choose you can go around 20 € (full day) for two sun loungers, beach umbrella and some I go a keyhole to store items and clothes.
I personally feel like signaling and advise the beach of platis gialos: a large and golden beach cove, south of the island (you can comfortably get on a scooter or bus) with a sea that would almost envy Maldives! Crystal clear water, transparent and turquoise / celestial notes, cold cold cold (I speak already in August forward)! In particular, I would recommend the Yialo Yialo beach club (which offers a 10 € bail deposit that will be made when the umbrella is left out) and the InOBar (which offers two comfortable USB sockets directly on the ‘polo’ of the umbrella for Able to charge mobile phones and tablets) with Anios restaurant behind: both ask for € 20 for sunshade and two sun loungers, with a snack bar service (of course fee).
The wind here is protagonist with its pros and cons: in the day it is nothing but pleasant in the day, it is able to fade the heat especially at peak times, in the evening / night it is a bit annoying because it makes it all a bit ‘Too much fresh (from sweatshirt, to understand).
Now I leave you to a small gallery that I will update once I have returned to my beloved Tuscany 😊



Spero che questo articolo vi sia piaciuto e che sia stato utile, lasciate un commento se avete visitato questa pacifica isola o se vorrete farlo in futuro 😊

La domenica.

Rilassante, calma, tranquilla, spensierata.

La domenica è una sorta di pausa dalla vita di tutti i giorni.

Siamo in preda al sonno accumulato durante quelle giornate veloci, frenetiche, piene di impegni che ci inseguono nel resto della settimana.

In inverno molte volte scegliamo di rimanere in casa, magari sotto le coperte a guardare un film: fuori il freddo, la pioggia, le nuvole nere non ci invogliano ad uscire!

Ma quando arrivano quelle giornate primaverili col sole splendente nel cielo, si respira un’aria di relax, quindi di fretta a prepararsi per godersi quella magnifica giornata!

Oggi con un amico abbiamo deciso di fare una passeggiata a Castiglioncello, un paesino di mare poco dopo Livorno, che accoglie con una passeggiata a ridosso del mare.

Nel mentre camminiamo per arrivare sul mare dal parcheggio dove abbiamo lasciato la macchina, ci troviamo davanti al Castello Pasquini, costruito a partire dal 1889 ad imitazione delle costruzioni medioevali, che attualmente viene utilizzato per eventi e manifestazioni culturali sotto la proprietà dell’amministrazione comunale di Rosignano Marittimo: è imponente, suggestivo, inaspettato.

Complice il sole, il caldo e il giorno di festa, il tutto mette subito il buon umore!

Così tra delle foto e un gelato, ci godiamo il mare e questo grazioso paesino, dove regna la pace e la serenità 🙂

Se siete in zona, tappa obbligatoria!!

  • Il mare!

  • Un gelato buonissimo preso alla gelateria in piazza 🙂

  • Castello Pasquini

  • Per la giornata di oggi ho scelto un outfit comodo e sportivo
  1. Sneaker bianca (Valentino)
  2. Pantalone blu morbido (Outfit)
  3. Felpa in cotone con motivo floreale (Imperial)
  4. Piumino 100 grammi verde acceso (Colmar)
  5. Zaino in tessuto (Yves Saint Laurent)

Profumi: un segno di riconoscimento

‘Piovono gocce di Chanel su corpi asettici’

Così canta il vincitore di Sanremo Francesco Gabbani nel brano Occidentali’s Karma.

Il profumo è quell’essenza che una persona decide di portarsi dietro per raccontare un po’ di sé agli altri. Molte volte viene usato solo per delle occasioni, come cene al ristorante il sabato sera, per un aperitivo in centro piuttosto che affacciati sul mare, altri lo usano per tutti i giorni, per andare al lavoro o a fare la spesa per la cena.

È quell’essenza che spinge gli altri a riconoscerci, secondo un istinto animale che lega gli odori e/o profumi a determinate persone o oggetti, appena le nostre narici entrano in contatto con un preciso odore subito scattano dei ricordi, delle passioni, gioie o dolori.

È quell’essenza che ci permette di darci un tono, chi usa toni aspri e limonati per risultare pungente alla prima ‘annusata’, chi preferisce sentori più floreali o fruttati, lasciando dietro di sé una dolce scia estiva.

Personalmente mi piace cambiare profumo ogni volta che ne finisco uno, perché credo così rappresenti il mio essere, profondamente abitudinario, ma che grido silenziosamente ‘vorrei stravolgere la mia vita’.

Ecco, in questo momento sto usando Eros di Versace, e temo sarà molto difficile separarmene quando arriverà al suo ultimo spruzzo sulla mia pelle.